M5S: Mastrangeli espulso per le sue presenze in tv, la parola definitiva ora alla rete

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 23 Apr 2013 alle ore 9:47am


Marino Mastrangeli è stato espulso dal Movimento 5 Stelle. Ora la parola spetta alla rete, come prevede il Codice di comportamento degli eletti al partito. Il senatore grillino, è dunque finito sotto accusa per le continue presenze in tv. Egli ha partecipato più volte in collegamento al programma di Barbara D’Urso.

La decisione su di lui, è arrivata dopo un’assemblea dai toni accesi. La riunione è stata, tra l’altro, trasmessa in streaming solo in parte, poi il collegamento è saltato e sull’aula dei gruppi è sceso dunque il silenzio.

Contro di lui, affinché venisse espulso, 62 parlamentari, 3 sono stati invece gli astenuti e 25 i contrari. La parola definitiva spetta ora al web. Sulle espulsioni il Codice di comportamento prevede un doppio passaggio: le espulsioni, devono essere votate sia dai deputati che dai senatori del partito, e poi ratificate dalla Rete.

Respinta, invece, la richiesta di espulsione, avanzata dallo stesso Mastrangeli, per il capogruppo Vito Crimi, accusato di aver partecipato a ‘Porta a porta’. Che dire? Due pesi e due misure.