Strage di Ustica: dopo 33 anni si cerca ancora la verità. Napolitano “accertare responsabilità”

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 27 Giu 2013 alle ore 10:40am


Sono trascorsi 33 anni dalla strage di Ustica. In quella tragedia, morirono ben 81 persone: 77 passeggeri e 4 membri dell’equipaggio. Ma ancora oggi, purtroppo, non si è arrivati ancora alla verità.

Le ipotesi che sono state fatte sono tante: si è parlato di possibile cedimento strutturale, di una bomba che ha fatto esplodere l’aereo in volo, un missile partito per errore da aerei militari di Paesi Nato in volo o da navi da guerra.

Ebbene oggi, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel ricordare quella terribile tragedia, ha inviato una lettera a Daria Bonfietti, il presidente dell’Associazione delle vittime del disastro,
dicendo che “vanno accertate le responsabilità nazionali ed estere” denunciando le “inquietanti ombre e opacità che hanno coperto le indagini fino ad ora“.

Il Capo dello Stato, si è detto convinto che “la celebrazione dell’anniversario attraverso l’installazione artistica collocata nello spazio antistante il ‘Museo della Memoria’ concorrerà anche quest’anno ad accrescere la partecipazione collettiva al ricordo delle vittime e a mantenere vivo – anche sulla base della recente sentenza della Corte di Cassazione – l’impegno delle istituzioni e di tutti i cittadini perché si onorino i principi di verità e di giustizia“.