Dopo intervento di Papa Francesco si dimettono i vertici dello Ior

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 02 Lug 2013 alle ore 10:08am


Il direttore generale dello Ior ovvero la banca vaticana, Paolo Cipriani, e il suo vice, Massimo Tulli, hanno rassegnato le proprie dimissioni, che sono state accettate dalla Commissione dei cardinali e dal board di sovrintendenza.

A renderlo noto la sala stampa vaticana. Le funzioni di dg dell’Istituto sono state dunque assunte “ad interim” dal presidente Ernst von Freyberg.

La bufera giudiziaria che si è abbattuta sullo Ior porta pertanto all’azzeramento del suo vertice operativo.

Per quanto riguarda le dimissioni di Cipriani (ricordiamo che è indagato dalla procura di Roma insieme all’ex presidente Ettore Gotti Tedeschi nella vicenda dei 23 milioni di euro sequestrati per sospetta violazione delle norme anti-riciclaggio) e di Tulli, l’Autorità di Informazione Finanziaria “è stata informata“. Mentre la Commissione speciale che è stata nominata mercoledì scorso da Papa Francesco, per acquisire le informazioni necessarie alla riforma dello Ior, con a capo il card. Raffaele Farina, “ha preso atto di questa decisione“.

Si attende ora il riassetto definitivo, sale intanto nell’organigramma dello Ior il peso degli uomini della Promontory, la società di consulenza finanziaria e anti-riciclaggio.