Donna inglese, torna dal Perù con larve di mosca assassina nell’orecchio

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 18 Lug 2013 alle ore 7:05am


Rochelle Harris è la donna di 27 anni di Derby, che tornata da una vacanza in Perù, già durante il volo di ritorno diretto in Gran Bretagna, aveva spesso dei tremendi mal di testa e sentiva strani suoni nella testa.

Ebbene in poche ore questi sintomi sono diventati per lei insopportabili, tanto da spingerla a recarsi presso il Royal Derby Hospital. In principio, però, i medici ipotizzarono che poteva trattarsi di una semplice infezione all’orecchio o addirittura di un morso di zanzara infetta. Ma quando la donna si rivolse ad un otorinolaringoiatra, facendo degli esami più approfonditi, scoprì che aveva un piccolo foro di 12mm nel condotto uditivo. Successivamente, dopo altre indagini, la diagnosi fu quella “di vermi nell’orecchio“.

I sanitari allora, la sottoposero ad una scansione del cervello e scoprirono che il timpano di Rochelle non era stato danneggiato, come del resto i vasi sanguigni e il nervo facciale. Provarono allora a versarle dell’olio d’oliva nell’orecchio per annegare i vermi, ma la cosa non ebbe il risultato sperato, perché essi erano ancora vivi. Ebbene, la donna ospitava nel suo orecchio, una famiglia di otto grandi vermi, i quali furono subito rimossi ed inviati ad un laboratorio di analisi in cui si scoprì che una mosca assassina aveva deposto le uova dentro l’orecchio della donna.