Dl sulla cultura 500 nuovi posti di lavoro e interventi per Pompei, Uffizi, Shoah, musica lirica sinfonica e cinema

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 02 Ago 2013 alle ore 7:37pm


Il decreto legge sulla cultura approvato oggi dal Consiglio dei ministri, ha spiegato Enrico Letta punterà sul rilancio di Pompei, Ercolano, degli Uffizi, il museo della Shoah, ma anche sulla musica lirca sinfonica e il cinema. Un piano questo, che darà lavoro a 500 giovani.

E riferendosi al più importante sito archeologico del mondo, il premier Letta e il ministro dei Beni Culturali Massimo Bray, hanno spiegato che sarà creata l’Unità Grande Pompei per attività di coordinamento e per migliorare l’accessibilità al sito. Ci sarà un direttore generale che garantirà il rispetto dei bandi ed una sovrintendenza speciale per Pompei, Ercolano e Stabia. Tale figura, inoltre, avrà anche il compito di definire i tempi di realizzazione degli interventi e ricevere donazioni ed erogazioni liberali, oltre ad avere il supporto di tecnici provenienti dall’amministrazione statale (un massimo di 20 persone) e di 5 esperti in materia giuridica, economica, architettonica, urbanistica e infrastrutturale.

Inoltre, è stato deciso, che una Soprintendenza speciale per i beni archeologici di queste tre città campane ricche di storia e di arte, sarà separata dal polo museale di Napoli e Caserta.

Otto milioni di euro andranno agli Uffizi, 4 milioni al museo della Shoah che sarà realizzato a Ferrara, dal 2014, gli introiti dei biglietti torneranno ai musei. Infine, una bella notizia arriva anche per il cinema e le fondazioni liriche sinfoniche. Enrico Letta, ha infatti annunciato che le fondazioni lirico-sinfoniche, potranno accedere ad un fondo di 75 milioni di euro che sarà gestito da un commissario straordinario. Torna infine il tax credit per il cinema con una cifra garantita di 90 milioni di euro.