Con i 4 nuovi senatori a vita, il presidente Giorgio Napolitano rafforza il governo Letta

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 31 Ago 2013 alle ore 2:26pm


Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ha nominato senatori a vita il maestro Claudio Abbado, 80 anni, la scienziata Elena Cattaneo, 51 anni, l’architetto Renzo Piano, 76 anni, e il fisico premio Nobel Carlo Rubbia, 79 anni, tutte persone che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo scientifico, artistico e sociale. Napolitano, ha scelto loro, perché ritiene che possano dare un contributo all’attività del Parlamento «in assoluta indipendenza da ogni condizionamento politico di parte», ma così non sembrerebbe.

Con tale decisione, il Capo dello Stato, chiude la possibilità di una richiesta da parte del Pdl di nominare altre personalità gradite al centrodestra. E, tra queste, ovviamente il proprio leader Silvio Berlusconi. In secondo luogo, ha pensato di rendere più forte Il Senato, dove la maggioranza è più debole, e fortificare il governo Letta. Sì, perché, i nuovi quattro senatori vengono tutti «letti» non simpatizzanti di Berlusconi.

Ma la loro nomina infatti, non è piaciuta a Pdl, Lega e M5S, molto gradita invece al Pd. Felice della scelta, anche il premier Letta che dice che scegliendo loro si lancia “un messaggio molto forte”, in modo da “invertire la tendenza” così, “chi fa ricerca e chi merita in Italia sarà premiato, deve essere premiato”.