Il governo ha in mente tante novità nel campo dell’istruzione con il nuovo decreto legge che prevede “misure urgenti per la scuola, l’università e la ricerca” approvato dal Cdm che comprende anche “un piano triennale di immissioni in ruolo per 69mila docenti e 16 mila ausiliari tecnici e amministrativi per gli anni scolastici 2014 – 2016 e l’assunzione a tempo indeterminato di oltre 26mila docenti di sostegno.

Tale decreto, ha come priorità, l’abolizione del bonus maturità, sono previste anche misure per ridurre il costo dei libri di testo, la lotta alla dispersione scolastica ed investimenti per 400 milioni di euro.

L’obiettivo è quello di arrivare ad una scuola “più moderna e più funzionale”, messaggio lanciato anche dal premier Letta in occasione dell’apertura del nuovo anno scolastico. Già da quest’anno, infatti, i ambisce all’abolizione del “bonus maturità”, utile per accedere all’università, ma che secondo Letta, “Avrebbe creato troppe disparità”. Sarà imposto, il divieto di fumare nelle scuole comprese le sigarette elettroniche, sarà dato un permesso di soggiorno, per la durata del corso di studi, e ci saranno misure per ridurre il costo dei libri di testo per le famiglie.

Inoltre, il ministro Maria Chiara Carrozza, ha spiegato che il governo ha deciso di stanziare “100 milioni di euro per aumentare il Fondo per le Borse di studio degli studenti universitari a partire dal 2014 e per gli anni successivi”. E che per ridurre il costo dei testi scolastici, a partire da quest’anno, gli studenti potranno utilizzare i libri di testo delle edizioni precedenti, a patto che siano “conformi alle indicazioni nazionali”. Il ministro, ha infine annunciato che questo decreto stanzierà “15 milioni di euro per la lotta alla dispersione scolastica e altri 15 milioni per garantire agli studenti più meritevoli che non hanno mezzi, il raggiungimento di livelli più alti. Infatti, sottolinea che tali fondi, saranno assegnati sulla base di graduatorie regionali e andranno a coprire le loro spese di trasporto e di ristorazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.