Preoccupazione a Milano per 7 casi di tubercolosi

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 01 Nov 2013 alle ore 2:04pm


A Milano dopo che sono stati accertati dai medici 7 casi di tubercolosi, tra l’altro di
una tipologia alquanto resistente, c’è molto panico. Si tratta di tre bimbi di una scuola media, due di una scuola elementare e di due studenti della facoltà di Scienze Politiche dell’Università Statale.

A dare la notizia è la Società italiana di infettivologia pediatrica (Sitip), attraverso una nota stampa.

Il più grave è il bambino di 11 anni che è stato infettato da un batterio resistente a più farmaci, appartenente al ceppo Xdr (Extensively drug-resistant), che al contrario di quanto avvenuto in questa occasione, abitualmente non colpisce soggetti in età pediatrica, né quelli perfettamente immunocompetenti o senza patologie di base, spiega Susanna Esposito, presidente della Sitip.

Così, dopo opportuni esami microbiologici, il bambino ha iniziato la terapia, che prevede l’uso di ben 5 farmaci. Esposito ha anche spiegato che poiché due di questi sono da somministrare per via endovenosa, in questa prima fase il bambino sarà curato in regime di ricovero ospedaliero per alcune settimane; saranno poi necessari diversi mesi di terapia orale.