Venezia: Governo vieta transito navi da crociera per il canale della Giudecca

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 06 Nov 2013 alle ore 8:40am


Palazzo Chigi ha reso noto che dal mese di novembre 2014 le navi da crociera non potranno più transitare nella laguna di Venezia, sia che siano dirette o in partenza per il canale di Giudecca, in attuazione del decreto Clini-Passera, al fine di prevedere una nuova via di accesso alla Stazione marittima, individuata nel canale Contorta Sant’Angelo.

Inoltre dal primo gennaio 2014 sarà vietato anche il transito dei traghetti, con conseguente riduzione del 25% dei transiti davanti a San Marco e del 50% delle emissioni inquinanti. Dal primo gennaio 2014 invece dovrà essere ridotto del 20% il numero delle navi da crociera di stazza superiore alle 40.000 tonnellate abilitate a transitare per il Canale della Giudecca; e dal primo novembre 2014 dovrà essere precluso il transito delle navi da crociera che superano le 96.000 tonnellate di stazza lorda.

Sarà, infine, assicurata la riduzione dello stazionamento giornaliero massimo (non superiore a 5 navi da crociera di stazza superiore alle 40.000 tonnellate) e una contrazione dei passaggi residui nelle ore centrali della giornata, con concentrazione delle partenze e arrivi all’alba e al tramonto. Nella valutazione di impatto ambientale di questa opzione saranno naturalmente considerate eventuali soluzioni alternative, compresa quella del Canale Vittorio Emanuele.

Molto soddisfatto il sindaco del capoluogo veneto, Giorgio Orsoni che ha voluto commentare tale decisione dicendo: “Per la prima volta il governo è intervenuto concretamente sulla questione delle grandi navi. Basta mega crociere a due passi da San Marco, si imporranno infatti fin da subito limiti ben precisi sulle navi che potranno entrare”.