Nel giorno in cui la giuria presieduta da James Gray ha incoronato i vincitori dell’ottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, la kermesse ha celebrato l’arte dell’indimenticato attore partenopeo Massimo Troisi, scomparso nel 1994 e che proprio quest’anno avrebbe compiuto sessant’anni.

Un ritratto commovente che emerge da una lunga intervista audio inedita che Troisi concesse nel 1993 a Antonella Coluccia, per la sua tesi di laurea su di lui.

Oltre a foto prese dai set dell’Archivio Mario Tursi, animate in motion graphic, e testimonianze di amici e colleghi a lui cari come Lello Arena, Maria Grazia Cucinotta, Anna Pavignano.

Massimo – Il mio cinema secondo me”, è un documentario di Raffaele Verzillo prodotto da Verdiana Bixio per Publispei, con Rai Cinema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.