Spread the love

Secondo la Società italiana di medicina generale (Simg), autrice dello studio sull’assunzione giornaliera di aspirina su di un gruppo di 32.000 pazienti, in coloro che la assumono con regolarità per problematiche cardiovascolari, il rischio di contrarre patologie tumorali si riduce del 34% in cinque anni e del 20% dopo vent’anni.

Gli studiosi hanno enunciato i dati raccolti al 30° Congresso della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) in corso a Firenze.

Ebbene, tale scoperta, se troverà ulteriori conferme scientifiche, potrebbe rivoluzionare la lotta contro i tumori che fin ora si è basata esclusivamente sulla prevenzione per mezzo di controlli periodici.

Anche il presidente della Simg, Claudio Cricelli dichiara che l’uso regolare dell’aspirina potrebbe essere applicato anche in altri ambiti patologici, come appunto quello oncologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.