Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, che ieri pomeriggio ha visitato il call center del Numero unico europeo del 112 presso l’Ospedale Niguarda di Milano, ha sottolineato che con il Numero unico di emergenza (Nue) 112 si registra “una riduzione dei costi, perché passiamo dalle attuali 48 Centrali operative, 4 per ognuna delle 12 province, a solo 3 in tutta la Lombardia“.

Maroni ha poi aggiunto che le centrali “di Milano e Varese sono già attive e coprono due terzi del territorio regionale, mentre quella di Brescia sarà operativa nella prossima primavera”.

Il Governatore ha fatto presente, che proprio grazie a questa iniziativa “si è notata una drastica riduzione delle chiamate, perché si sono eliminati i raddoppi di chi, per lo stesso incidente, chiamava magari sia il 112 che il 113; adesso invece le chiamate finiscono in unica centrale, che riconosce se riguardano lo stesso incidente: questo riduce i tempi d’intervento e migliora il servizio“.

Le tre centrali lombarde sono a Milano (per l’area di Milano) in funzione da pochi giorni, a Varese (per le aree di Varese, Lecco, Como, Bergamo e Monza e Brianza) attiva da giugno 2010, e la prossima primavera, sarà operativa anche la terza, a Brescia, (per le aree di Brescia, Pavia, Cremona, Mantova, Sondrio e Lodi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.