Michael Schumacher a Meribel, stava sciando fuori pista, in compagnia di altre persone e in particolare, del figlio Mick di 14 anni. Dopo la caduta era stato immediatamente soccorso, e secondo il direttore della stazione di Meribel, Christophe Gernigon-Lecomte, “era cosciente ma un po’ agitato“. In dieci minuti era stato “evacuato” con un elicottero, ma viste le sue condizioni portato al centro ospedaliero universitario (Chu) a Grenoble.

Di ufficiale si era saputo che, cadendo, l’ex pilota aveva battuto la testa su una roccia, ma che indossava il casco.

Ma poi ieri, in tarda serata, è arrivato il comunicato diffuso dal centro ospedaliero, che dice che le sue condizioni sono “critiche“. Aggiungendo che “Al suo arrivo qui soffriva di un trauma cranico grave, con coma e per questo si è reso immediatamente necessario un intervento neurochirurgico. Le sue condizioni rimangono critiche“.

Il comunicato, è stato firmato dal professor Chabardes, neurochirurgo dell’ospedale, dal professor Payen, capo della squadra di anestesia e rianimazione della struttura, e dal direttore generale aggiunto, Marc Penaud, e letto da un altro dirigente ospedaliero, Jean-Marc Grenier.

Nel centro Chu di Grenoble accanto a lui ci sono la moglie e i figli, e sarebbe arrivato anche il professor Gerard Saillant, un luminare amico dell’ex pilota, che lo operò nel 1999 dopo l’incidente di Silverstone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.