Un intervento davvero straordinario e molto delicato, il primo in Europa, quello che è stato eseguito all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo su di un feto di circa 33 settimane, il 31 gennaio, perché colpito da una ipoplasia del cuore sinistro, ovvero un insufficiente accrescimento della parte sinistra dell’organo cavo che immette il sangue nel corpo.

I medici hanno praticato uno stent nel cuore del feto, l’intervento è riuscito il neonato e la mamma stanno bene.

Lo stent è un oggetto di metallo, a maglia, che viene inserito negli organi cavi e fatto dilatare fino a che il suo diametro non riesce a compensare le deficienze e le malformazioni dell’organo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.