Il 12 Marzo, durante un controllo, un guardiano degli Scavi di Pompei si è accorto della scomparsa di una parte di affresco ubicato nella Casa di Nettuno, trafugato da ignoti.

Non è la prima volta, che accadano furti del genere negli Scavi di Pompei. Così intanto che i tecnici della Soprintendenza e i carabinieri si sono messi ad indagare nella speranza di poter risalire ai colpevoli, presso il Mibact so è tenuta una riunione straordinaria convocata dal Ministro Franceschini per fare luce sulla vicenda e trovare possibili soluzioni.

Alla riunione hanno partecipato: il capo di Gabinetto, prof. D’Andrea; il segretario generale del Mibact, arch. Recchia; il soprintendente di Pompei, Ercolano e Stabia, prof. Osanna; il direttore generale delle antichità, dott. Malnati, il direttore generale ed il vicedirettore del Grande Progetto Pompei, Gen. Nistri e dott. Magani; il comandante del comando tutela e patrimonio culturale dei carabinieri, Gen. Mossa.

Osanna ha esposto quanto accaduto ribadendo la piena fiducia nell’operato della magistratura e sottolineando che sono state definite delle misure straordinarie come: il rafforzamento degli standard di sicurezza del sito archeologico ricorrendo anche ad istituti di vigilanza specializzata; la sottoscrizione di una convenzione con la Ales per l’acquisizione di 30 unità di personale per l’accoglienza e di supporto alla vigilanza; un espletamento delle gare per la videosorveglianza all’interno dell’area archeologica e per la nuova recinzione e illuminazione; ed ancora, una consulenza specializzata sulle misure di protezione interna da parte del Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale (CCTPC); nonché l’utilizzo di competenze tecnico scientifiche dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR) onde accertare lo stato delle aree danneggiate dal furto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.