Vibo Valentia, assenteismo in ospedale: medici ed infermieri lasciavano luogo di lavoro risultando presenti

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 25 Apr 2014 alle ore 9:47am


Un’altra triste vicenda di assenteismo in Italia. I carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia hanno eseguito 17 misure cautelari a carico di infermieri, dirigenti sanitari e assistenti amministrativi impiegati presso l’ospedale di Pizzo (Vibo Valentia) con l’accusa di truffa aggravata, facendoli sospendere dal servizio per due mesi.

Questi dipendenti pubblici, si allontanavano arbitrariamente dal luogo di lavoro oppure addirittura non si presentavano e consegnavano il badge a loro colleghi per far timbrare il cartellino.

La truffa, è stata scoperta in seguito a segnalazioni, fatte dagli stessi cittadini che lamentavano l’assenza di personale nel suddetto nosocomio. Così, dopo ripetuti appostamenti e videoriprese eseguite dalle indagine condotte grazie al sostituto procuratore Vittorio Gallucci è stato realmente accertato che molti di questi dipendenti Asp si assentavano dal luogo di lavoro risultando però in servizio.