Grillo a Porta a Porta, il suo ritorno in tv, selfie con Vespa, ed è subito show

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 20 Mag 2014 alle ore 10:14am

Beppe Grillo torna alla Tv di Stato dopo 21 anni al fine di riuscire a conquistare una nuova fetta di elettori, ossia i moderati. E sceglie il salotto televisivo di ‘Porta a porta’ su Rai 1.

Arriva negli studi rai a bordo di un taxi, portando con sé un plastico per Vespa.Il giornalista insieme al direttore di Rai1, Giancarlo Leone, è lì ad accoglierlo. Presenti anche molti fotografi e giornalisti.

Grillo rivolgendosi a Vespa dice: “ho un regalo per te“. Si tratta di un castello, quello di Lerici, che tanto lo impressionava quando era bambino. Con segrete da cui spuntano politici, imprenditori e giornalisti.

Entrato negli studi, Grillo fa un selfie con Vespa. E nella pre-puntata, in piedi in studio si guarda intorno e dice: “Bravi, avete messo una mia foto normale“, facendo intuire ai telespettatori a casa quali saranno i toni della serata.

Parte la sigla ed è subito show. Grillo sottolinea: “Torno in Rai dopo tanto tempo, ma questo pubblico è tutto pagato. Hanno pregiudizi contro di me“. E rispondendo alle ultime accuse lanciate dagli avversari dice: “La mia è una rabbia buona. Noi non siamo violenti. Sono uno che grida, sono arrabbiato“. E continuando aggiunge: “Non sono né Hitler né Stalin. Abbiamo fatto un sondaggio siamo al 96 per cento, sarà una marcia trionfale”.

Grillo incalzato da Vespa, rivolgendosi al giornalista dice: “Sei un fossile” e continuando “Tu non sei un giornalista, sei un pacchetto. Tu sei in pensione ma vendi un pacchetto” cercando in tutti i modi di provocarlo. Vespa apre e chiude il recinto quando vuole: lascia sciorinare a Grillo slogan e ritornelli, poi passa all’incasso e inchioda l’ex comico su alcuni temi, non accontentandosi della prima risposta.

Lo stuzzica su diversi argomenti: dall’immigrazione, all’anticorruzione. Ma il leader del M5S sottolinea anche: “Se sono qui, è perché è una mossa politica. Ci sono le europee“. Elezioni che, è convinto che il suo partito vincerà e a tal fine dice: “diremo che Napolitano non rappresenta più questa Repubblica” e neppure Renzi.

Grillo attacca infatti il Pd e riferendosi al premier dice: “L’ebetino è il niente, scomparirà come Letta“. E ancora: “Devono andare a casa tutti, compreso Napolitano. E a tutti faremo una verifica fiscale per vedere quanto hanno guadagnato con la politica. Bisogna spazzare via la spazzatura dei partiti“.

Il leader del M5S annuncia poi, in caso di vittoria, “faremo il politometro a tutti, un processo online“.

Grillo chiude intervista dando il cinque a Vespa, e il giornalista su Twitter scrive: “Grande rimpatriata stasera a #portaaporta con @beppe_grillo. A ciascuno il suo ruolo. Spero sia stato utile“.