La tintarella crea dipendenza dal sole

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 20 Giu 2014 alle ore 10:52am


Stendersi al sole o abbronzarsi può diventare una vera e propria ossessione. Ne sono convinti i ricercatori del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School di Boston che hanno pubblicato uno studio sulla rivista Cell.

L’esposizione continua potrebbe diventare una vera e propria droga, determinando il rilascio di ormoni del piacere, le endorfine, che inducono la dipendenza da raggi UV.

È quanto è emerso dal loro studio condotto sui topi. Questo spiegherebbe perché certe persone hanno un istintivo desiderio ad esporsi al sole anche in inverno, nonostante conoscano i rischi che eccessiva esposizione a raggi ultravioletti (UV) crea.

La dipendenza all’esposizione al sole viene sempre più accreditata secondo gli esperti che hanno esposto topolini a raggi UV per sei settimane accorgendosi che già dopo la prima settimana il corpo dei topolini cominciava a produrre endorfine, sostanze analoghe alla morfina che leniscono il dolore e che danno piacere, strettamente legate ai meccanismi di dipendenza.

Inoltre gli scienziati hanno scoperto che bloccando i recettori delle endorfine alla sesta settimana di esposizione ai raggi solari i topini mostravano i tipici segni comportamentali di una crisi di astinenza.