Anche Google è finito nel mirino degli crackers. Secondo diverse segnalazioni, provenienti da autorevoli testate internazionali, sarebbero state rubate circa 5 milioni di password di account Gmail, casaella e-mail di proprietà di Big G.

La maggior parte delle quali, sarebbero russe e di queste il 60% delle caselle e-mail bucate ancora attive.

Google ha ammesso il problema sottolineando, però, che la violazione dei dati sensibili non sarebbe avvenuta sui propri server ma direttamente dalle caselle e-mail dei proprietari e da altre fonti traverse.

Infine, solo il 2% delle password rubate sarebbero state utili, in quanto Mountain View avrebbe messo in campo un buon livello di sicurezza: avvertendo nelle ultime settimane gli utenti, di alcune autenticazioni sospette riuscite a bloccarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.