Una dichiarazione congiunta di Aqap e Aqmi ha esortato i loro “fratelli” in Iraq e Siria “a smetterla di uccidersi tra di loro e ad unire le forze contro la campagna americana e la sua maligna coalizione che ci minaccia tutti“.

I due gruppi principali di al Qaeda hanno voltato le spalle ad Ayman al Zawahiri, erede di Bi Laden. Ed intanto, i primi raid Usa sono tornati nei cieli di Baghdad colpendo per la prima volta gli jihadisti sunniti dello Stato Islamico (Isis) a sud-ovest della capitale.

I jihadisti sono riusciti ad abbattere un cacciabombardiere di Damasco in Siria. L’offensiva statunitense finora si era limitata a colpire le postazioni degli jihadisti nel nord del Paese, in modo da proteggere il personale americano e le popolazioni assediate.

I raid aerei avevano finora aiutato le minoranze religiose radunate sul monte Sinjar e protetto la diga di Mosul e la città di Arbil, capitale del Kurdistan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.