Due autisti sono stati sospesi in via cautelativa, per aver raccontato e denunciato alla trasmissione di Rai 3 ‘Presa Diretta‘ quelli che sono, secondo loro, i disservizi del trasporto pubblico romano, e pertanto rischiano il posto di lavoro.

Ilario e Valentino, autisti di due bus “senza autorizzazione” come sottolinea la società Trotta Bus service del consorzio Roma Tpl hanno concesso un’intervista alla trasmissione di Riccardo Iacona.

Ma la loro sospensione in via cautelativa, ha indignato colleghi e sindacati, mentre in rete è subito apparso l’hashtag #iostoconilarioevalentino.

I due parlando dei problemi legati al trasporto pubblico capitolino, si sarebbero presi una libertà che non è piaciuta all’azienda per cui lavorano, la quale gestisce in appalto il 30% del servizio bus nella Capitale, e pertanto li ha sospesi.

Sarebbe opportuno che anche il sindaco Ignazio Marino si facesse carico di questa storia”, ha commentato il conduttore della trasmissione Riccardo Iacona.

Mentre il sindacato Usb è intervenuto chiedendo l’annullamento immediato delle sanzioni nei confronti dei due autisti e delegati sindacali Ilario Ilari e Valentino Tomasone, affermando che “i lavoratori non hanno rilasciato nessuna dichiarazione diversa da ciò che le immagini hanno mostrato, ovvero una vettura guasta al capolinea, durante l’intervento di un meccanico; un autobus che ad ogni inserimento di marcia scaricava l’aria dei servizi automezzo e rischiava di bloccare la vettura”.

Infine, il senatore di Sel Giorgio Airaudo ha già annunciato il deposito di un’interrogazione urgente al governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.