Un gruppo di turisti era andato a vedere un tipico fenomeno vulcanico nella riserva agrigentina gestita da Legambiente, a 4 km dal centro abitato di Aragona e a 15 da Agrigento, dove vi sono pozze di fango argilloso che sobbollono e a volte eruttano a causa della presenza di metano, quando all’improvviso è avvenuta una vera tragedia.

Una bambina di 7 anni è stata investita dall’esplosione di un vulcanello morendo sul colpo. Recuperata si cerca ora il fratellino di 9 anni, ancora disperso. La famiglia era in gita per il compleanno del piccolo.

A darne notizia i soccorritori. Il fatto è accaduto nella riserva Macalube ad Aragona-Caldare. I bambini erano col padre, un appuntato dei carabinieri di Joppolo Giancaxio anche lui investito dal fango fino al collo.

Si continua a scavare nell’argilla nella speranza di riuscire a recuperare anche il corpo dell’altro bambino colpito dall’espulsione di fango bollente, gas ed acqua.

Alcuni testimoni parlano di “un muro di fango che si è improvvisamente alzato”. A dare l’allarme un turista tedesco.

La Procura di Agrigento ha aperto un fascicolo su quanto accaduto mandando sul posto il sostituto procuratore Carlo Cinque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.