Roma: coppia di rumeni picchiava la figlia dodicenne per costringerla a prostituirsi con un 60enne

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 10 Ott 2014 alle ore 11:08am


Costringevano la loro figlia di appena 12 anni a soddisfare le richieste di un uomo di 60 anni. Una coppia di rumeni e un italiano, sono stati arrestati a Roma per sfruttamento della prostituzione minorile e violenza sessuale.

L’indagine è stata condotta dagli agenti della IV sezione della squadra mobile romana, specializzata in reati sessuali contro le donne e minori, in collaborazione con il personale del commissariato di Monteverde, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, partita lo scorso mese di agosto, quando gli investigatori hanno ricevuto una segnalazione di strane attenzioni rivolte a una bambina rumena di 12 anni da parte di un italiano, S.C., 60 anni.

Le indagini hanno consentito di raccogliere una serie di indizi nei confronti dell’uomo che pagava profumatamente le prestazioni sessuali con soldi e regali ai due coniugi.

L’uomo poteva disporre a proprio piacimento della bambina, la quale veniva continuamente picchiata e punita affinché assecondasse il sessantenne nelle sue perversioni.

Tutti elementi quelli raccolti dagli inquirenti, aggiunti anche alla confessione della minore, che hanno portato a questa orribile scoperta e determinato l’emissione, da parte del gip, di tre arresti per impedire la reiterazione di analoghi comportamenti e arginare la pericolosità sociale degli indagati.