Alcuni ricercatori della University of Pennsylvania hanno creato per la prima volta l’atlante dell’orologio biologico in cui vengono descritti tutti gli “orari” di massima attività delle cellule e le loro funzioni.

Lo studio in questione, pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, spiega quali sono i meccanismi che regolano le funzioni biologiche, come il mangiare o il dormire, ma al tempo stesso quale sia il momento migliore per assumere un farmaco.

Gli studiosi hanno condotto lo studio sui topi di laboratorio analizzando le attività dei loro geni presenti in una decina di tessuti in momenti diversi del giorno.

Arrivando alla conclusione che le variazioni nelle attività possono influenzare l’azione di un farmaco in alcune parti del corpo.

Analizzando gli orari di attivazione dei geni i ricercatori hanno capito che 56 dei 100 farmaci più venduti negli Usa e 119 dei 250 farmaci essenziali hanno come bersaglio tali geni “oscillanti”, che variano la loro attività nell’arco di tutta la giornata.

Ciò significa che in base all’ora di assunzione di un farmaco è possibile ottimizzarne anche gli effetti sull’organismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.