A Napoli le stazioni metropolitane più belle del mondo, Toledo e Università, al 1° e al 5° posto

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 16 Nov 2014 alle ore 6:24am


È Napoli la città con le stazioni metropolitane più belle al mondo.

Il capoluogo campano ottiene ben riconoscimenti, nella classifica della rivista boredpanda.com la quale premia 15 stazioni metropolitane più belle del mondo.

Boredpanda.com, magazine on line di arte e design, sottolinea che di solito le stazioni metropolitane, poiché poste nel sottosuolo sono poco ospitali, colme di sporcizia, ratti e rifiuti, con totale assenza di architettura, tuttavia esistono al mondo delle eccezioni, dei veri gioielli architettonici, come la bellissima e stupefacente stazione metropolitana di Toledo (NAPOLI).

Costruita nel 2011, la Stazione della linea 1 della metropolitana di Napoli ubicata nel quartiere San Giuseppe, che il quotidiano inglese The Daily Telegraph definì anni fa, come la metropolitana più bella d’Europa.

Primato, confermato anche dalla classifica della CNN e nel 2013 dal premio Emirates leaf international award come “Public building of the year”.

Stazione che oggi si piazza al primo posto tra le metropolitane più belle del mondo. Progettata dall’architetto catalano Óscar Tusquets Blanca, con i suoi due grandi mosaici dell’artista William Kentridge, le scale mobili illuminate dall’interno, l’elegante gioco di colori e la suggestiva galleria del mare di Bob Wilson, la stazione di Toledo lascia i viaggiatori a bocca aperta, catapultandoli in un viaggio senza fine tra cielo e mare.

Seguita da un quinto posto altrettanto prestigioso e tutto partenopeo: la stazione metropolitana Università, caratterizzata da colori e pannelli molto suggestivi che catturano l’attenzione dei pendolari. In particolare i due colori base il fucsia e il verde acido. In essa le particolari sculture disegnate da Rashid, la più suggestiva di queste è la Synapsi e vuole ricordare appunto il reticolo neurale del cervello, anticipando gli effetti che generano gli ambienti sottostanti.
Balzano inoltre, all’occhio anche le due colonne nere modellate come un profilo umano continuato, definito conversational profile. Il soggetto raffigurato è Rashid, e lungo le banchine, si possono ammirare i pannelli che rivestono i muri presentando effetti stereoscopici tridimensionali.
Molti i giochi ottici e luminosi che si possono incontrare anche in diversi punti dei mezzanini intermedi e le sculture architettoniche contemporanee.
Degne di nota, infine, le raffigurazioni di Dante e Beatrice, dai colori vivaci, disegnate sui gradini di accesso alle banchine.

Un motivo di orgoglio, dunque, non solo per i napoletani ma un vanto per l’Italia intera, visto che in coda ci sono altre prestigiose città.

Troviamo, infatti, Mosca che si piazza al secondo posto seguita da Stoccolma.

La bellissima stazione Avtovo Metro Station di San Pietroburgo, il Bund Sightseeing Tunnel di Shanghai, l’Arts Et Métiers Station di Parigi ed ancora la City Hall Station di New York e l’Olaias Station di Lisbona.