Ospedale Regina Margherita: vaso sanguigno artificiale salva la vita a bimbo senza rene

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 13 Dic 2014 alle ore 10:40am


E’ la prima volta che in Italia si parla di un nuovo vaso sanguigno capace di consentire una nuova vita ad un bambino di 4 anni.

E’ accaduto all’ospedale Regina Margherita della Città della Salute di Torino, dove un bambino di rigine maghrebina era nato, con una grave insufficienza renale.

I grossi cateteri usati per la dialisi hanno progressivamente causato l’occlusione dei vasi venosi centrali, che conducono al cuore.

Negli ultimi giorni, le condizioni del piccolo erano peggiorate sensibilmente, e proprio ieri la responsabile della cardiologia pediatrica dell’Ospedale infantile di Torino, Gabriella Agnoletti, usando vasi collaterali e stent coperti ha creato un nuovo vaso sanguigno artificiale alternativo per permettere l’accesso al cuore.

Successivamente, grazie ad una nuova via creata ad hoc, l’equipe di cardiologia pediatrica diretta dal dottor Carlo Pace, ha posizionato un nuovo catetere centrale, che arriva al cuore attraverso il nuovo vaso sanguigno al fine di permettere la dialisi.

L’intervento è riuscito con successo, ed ora il piccolo è ricoverato nel reparto di Nefrologia dell’ospedale Regina Margherita.