Cratere di Eufronio torna in Italia, visibile a Cerveteri

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 20 Dic 2014 alle ore 8:03am

Dopo essere stato trafugato, venduto e rivenduto più volte, torna a casa, a distanza di 40 anni, il Cratere di Eufronio

, ovvero un calice su cui furono decorate delle figure rosse.

Il Cratere di Eufronio, alto 45.7 cm, realizzato dal ceramografo Eufronio verso il 515 a.C. è ora visibile a Cerveteri.

Il vaso è stato custodito dal Metropolitan Museum di New York ma, nel 2006, ne è avvenuta la riconsegna al nostro Paese.

Il vaso trafugato il ’71 a Cerveteri, nei pressi di una tomba etrusca, è stato venduto dal gallerista svizzero Robert Hecht Jr. e dal mercante d’arte italiano Giacomo Medici al Metropolitan Museum of Art di New York per la cifra di un milione di dollari.

Grazie a un’intesa raggiunta nel 2006, il Cratere di Eufronio è tornato in Italia ed è stato più volte esposto in diverse città, tra cui Roma e Mantova. Il vaso era stato allestito per circa 5 anni nel Museo nazionale etrusco di Villa Giulia, a Roma.

Adesso è esposto a Cerveteri.