Golden Globe a ‘Boyhood’ come miglior film e regia, Eddie Redmaine e Julienne Moore i migliori attori

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 13 Gen 2015 alle ore 6:07am

La cerimonia di consegna dei premi ai grandi nomi di Hollywood, è stata anche l’occasione per rendere omaggio alle vittime della strage di Parigi.

Alla 72esima edizione del Golden Globe, sul red carpet hanno sfilato George e Amal Clooney, Helen Mirren, Kathy Bates e Diane Kruger con indosso una spilla e su scritto “Je Suis Charlie“, dal nome del protagonista e del settimanale satirico Charlie Hebdo colpito a morte il 7 gennaio.

Ma ci sono state anche star che hanno preferito astenersi, come del resto ha fatto anche la stampa Usa che ha deciso, a differenza dei colleghi europei, di non ripubblicare le vignette di Charlie Hebdo.

I film premiati

– Miglior dramma “Boyhood
– Miglior commedia “The Grand Budapest Hotel
– Miglior attore, dramma Eddie Redmayne, “The Theory of Everything
– Migliore attrice, dramma Julianne Moore, “Still Alice
– Miglior attore, commedia Michael Keaton, “Birdman”
– Miglior attrice, commedia Amy Adams, “Big Eyes
– Miglior attore non protagonista J.K. Simmons, “Whiplash
– Migliore atrice non protagonista Patricia Arquette, “Boyhood”
– Miglior regista Richard Linklater, “Boyhood
– Miglior film in lingua straniera “Leviathan,” Russia
– Miglior film d’animazione “How to Train Your Dragon 2
– Migliore sceneggiatura Alejandro Gonzalez Inarritu, Nicolas Giacobone, Alexander Dinelaris, Armando Bo, “Birdman
– Miglior testo originale Johann Johannsson, “The Theory of Everything
– Migliore canzone originale “Glory,” for “Selma” – John Legend, Common

Le migliori serie e miniserie premiate:

– Miglior serie drammatica “The Affair”
– Miglior serie commedia “Transparent”
– Miglior miniserie “Fargo”
– Miglior attore per serie drammatica Kevin Spacey, “House of Cards”
– Migliore attrice per serie drammatica Ruth Wilson, “The Affair”
– Migliore attore per serie commedia Jeffrey Tambor, “Transparent”
– Migliore attrice per serie commedia Gina Rodriguez, “Jane the Virgin”.