Il reflusso gastroesofageo è un problema che interessa lo stomaco e colpisce un quinto della popolazione italiana.

In molti casi è curabile con farmaci, mentre in altri richiede un intervento chirurgico perché la patologia è molto più complessa.

Ecco allora arriva una nuova tecnica, sperimentata con successo. Si tratta della cucitrice ad ultrasuoni. Una cucitrice chirurgica unita ad una piccola videocamera.

Uno strumento unico che permette di realizzare un intervento delicato che può essere messo in atto entrando dalla bocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.