Maroni avverte: “Ai sindaci che dovessero accogliere nuovi clandestini ridurremo i trasferimenti regionali”

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 08 Giu 2015 alle ore 9:28am

maroni e immigrazione
Il governatore della Lombardia, Roberto Maroni è stato chiaro: “Ai sindaci che dovessero accogliere nuovi clandestini ridurremo i trasferimenti regionali”.

Ed è subito esplosa la polemica. Per il ministero dell’Interno, Angelino Alfano si tratta di un “Intervento illegittimo”.

Per il presidente del Piemonte, Chiamparino una “Strumentalità politica, avvertitelo che la campagna elettorale è finita”.

Per il sindaco di Torino, Fassino una “Minaccia inaccettabile“.

Infine per il presidente del consiglio Renzi pura “Demagogia“.

Ma Maroni intanto ha fatto il suo avvertimento a mezzo missiva indirizzata a prefetti e sindaci, invitando i primi dall’astenersi dal portare “nuovi clandestini” in Lombardia e i secondi di “rifiutarsi di prenderli”: “Ai sindaci che dovessero accoglierli ridurremo i trasferimenti regionali come disincentivo alla gestione delle risorse”, “chi lo fa violando la legge, violando le disposizioni che io ho dato, subirà questa conseguenza”.