chiusura locale polizia
Una maxi operazione denominata “Titano” condotta dalla Polizia di Stato di Rimini atta a contrastare lo spaccio di droga, la spendita di banconote false, l’estorsione e il porto abusivo di armi ha portato questa mattina a 18 custodie cautelari, 8 arresti domiciliari, 2 divieti di dimora nel comune di Rimini ed 1 obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, tra italiani e stranieri.

L’indagine condotta dagli investigatori della Squadra Mobile di Rimini in collaborazione con le Questure di Milano, Ancona, Ravenna, Pesaro ed Agrigento, ha permesso di sequestrare oltre un chilo di cocaina e 23mila euro in banconote false.

Circa 100 gli agenti con unità cinofile, elicottero della polizia che sono stati impiegati sul campo.

Tra gli indagati figurerebbero anche i titolari di un noto locale del lungomare di Rimini, il Coconuts, per il quale è scattata la sospensione dell’attività per 30 giorni in base all’articolo 100 del Tulps.

Secondo quanto emerso dalle indagini, il Coconuts rappresentava la piazza preferita per il consumo di sostanza supefacenti, prevalentemente cocaina e marijuana.

Il provvedimento di chiusura del locale sarebbe arrivato in seguito anche a numerosi episodi di violenza accaduti negli ultimi due anni. Da da ultimo la rissa con l’accoltellamento, il 17 maggio scorso, di due ragazzi, uno minorenne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.