Giornata dei rifugiati, Papa Francesco “perdono per coloro che chiudono la porta“. Immediata la risposta di Salvini

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 17 Giu 2015 alle ore 2:20pm

rifugiati
“Vi invito tutti a chiedere perdono per le persone e le istituzioni che chiudono la porta a questa gente che cerca vita, una famiglia, che cerca di essere custodita”.

Queste le parole di papa Francesco, parlando a braccio, nel suo appello in occasione della Giornata dei rifugiati al termine dell’udienza generale di oggi.

“Sabato prossimo – ha ricordato Papa Bergoglio – ricorre la Giornata mondiale del rifugiato, promossa dalle Nazioni Unite. Preghiamo per tanti fratelli e sorelle che cercano rifugio lontano dalla loro terra, che cercano una casa dove poter vivere senza timore, perché siano sempre rispettati nella loro dignita”.

“Incoraggio – ha concluso il Santo Padre – l’opera di quanti portano loro un aiuto e auspico che la comunita’ internazionale agisca in maniera concorde ed efficace per prevenire le cause delle migrazioni forzate”.

Immediata la replica di Salvini: “Quanti rifugiati ci sono in Vaticano? Il problema è che i rifugiati sono un quarto di quelli che arrivano, noi non abbiamo bisogno di essere perdonati”, ha detto il segretario del Carroccio a Radio Padania. E riferendosi alla visita che il Papa farà a Torino in occasione dell’ostensione della Sacra Sindone, Salvini ha concluso dicendo “Sono curioso di vedere se a Torino incontrerà qualche sfrattato torinese”.