Pancia gonfia? Ecco gli alimenti da preferire

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 26 Giu 2015 alle ore 7:00am

pancia gonfia
Sono circa 12 milioni gli italiani che devono fare i conti con la pancia gonfia.

Problema non solo estetico ma che può compromettere la qualità della vita di molte persone.

Ecco allora la pancia gonfia può andare via grazie ad una dieta “scientifica”, eliminando gli alimenti che fermentando nell’organismo, i cosiddetti FODMAP, e privilegiando quelli a minor indice di fermentazione.

Una dieta molto complessa che richieda l’esperienza di un medico competente.

Tra i cibi consigliati ci sono cereali, farro e prodotti senza glutine; formaggi duri e stagionati, latte delattosato, di soia o di riso; frutta e in particolare la banana, il mirtillo, il pompelmo, il kiwi, il mandarino, il limone, l’arancia, l’uva, il lampone, la fragola.

Spazio alla verdura: sedano, peperoni, melanzane, lattuga, fagiolini e zucca, il pomodoro, e come dolcificanti preferire il saccarosio, il glucosio, lo sciroppo d’acero e dolcificanti che non terminano in ‘–olo’.

Da evitare o limitare, perché ad alto contenuto di FODMAP: frumento e segale (pane, pasta, couscous, cracker, biscotti), mele, pere, albicocche, ciliegie, pesche, mango, anguria, cachi, susine, prugna, miele, fruttosio e sciroppo di mais, sorbitolo, mannitolo, xilitolo.

E ancora, latte e formaggi morbidi e freschi, carciofi, asparagi, barbabietole, cavolini di Bruxelles, broccoli, cavolo, cavolfiore, finocchio, aglio, scalogno, funghi, piselli, ceci, lenticchie, fagioli e fave.

L’efficacia di tale dieta è stata dimostrata da uno studio italiano condotto dal professor Enrico Stefano Corazzieri, gastroenterologo dell’Università La Sapienza di Roma. Già sottoposta al vaglio della “Digestive Disease Week” di Washington, è sta presentata all’EXPO di Milano in occasione del workshop “La migliore educazione alimentare”.