Crisi Grecia, linea dura della Merkel, trattative ferme fino al referendum

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 02 Lug 2015 alle ore 10:04am

Alexis Tsipras grecia
La Grecia vorrebbe rilanciare con la Merkel, ma la Germania non ci sta. Il premier greco Alexis Tsipras insiste e sostiene di volere un accordo con i creditori. Poi ribadisce l’invito a votare il no alle proposta dei creditori al referendum di domenica. Un no che – precisa – non è certo contro l’Europa e non significa neppure uscita dall’euro.

Il premier Renzi, in visita ieri a Berlino, ha incontrato Angela Merkel, criticando la scelta della Grecia di indire un referendum: piuttosto di fare le riforme.

In nottata è arrivata anche una telefonata tra Renzi e Obama, entrambi d’accordo sul fatto che: «Tutti lavorino per riportare la Grecia su una strada di riforme e finanziaria».

Mercati cauti, dunque, questa mattina dopo il rialzo di ieri. Piazza Affari in avvio leggermente positiva.

Deboli gli altri listini europei.