Festival Giorgio Gaber, dal 3 luglio in scena con 30 appuntamenti per 21 località toscane

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 02 Lug 2015 alle ore 2:40pm


E’ giunto alla sua terza edizione, il festival Gaber itinerante – dopo i dieci anni di kermesse andate in scena alla Cittadella del Carnevale di Viareggio – che si sviluppa in ben 21 Comuni della Toscana, fra cui il capoluogo della regione, Firenze.

A distanza di dodici anni dalla scomparsa di Giorgio Gaber, i Comuni toscani, ognuno in base alle proprie possibilità economiche, hanno aderito a un importante Protocollo d’Intesa, promosso dal Comune di Camaiore, al fine di sottolineare il ricordo dell’artista milanese, il cui pensiero continua ad essere presente, e un punto di riferimento per la nostra cultura italiana.

Dal 3 luglio al 3 agosto, infatti, la Fondazione dedicata a Giorgio Gaber, in collaborazione con le amministrazioni comunali, con il sostegno della Regione Toscana, ha in calendario 30 appuntamenti in 21 suggestive località, tra cui spicca il mini-festival a Camaiore, con 7 rappresentazioni, in scena dal 18 al 26 luglio, e la terza edizione della Rassegna COMeInCAmaiore, tradizionale manifestazione in scena in Piazza XXIX Maggio, alla presenza di migliaia di persone.

La missione della Fondazione Gaber, ha come fine principale quello di trasmettere alle nuove generazioni il grande messaggio dell’artista, testimoniato dal successo delle Lezioni-Spettacolo che si tengono ininterrottamente negli istituti superiori della Lombardia, grazie al Piccolo Teatro di Milano, della Toscana, all’Assessorato all’Istruzione della Provincia di Lucca e di altre regioni, nonché assessorati municipali.

Grazie, infine, all’ospitalità del Comune di Camaiore, nell’atrio del Palazzo del Comune (piazza San Bernardino da Siena 1) verrà esposta – durante la COMeInCAmaiore (18-26 luglio) – una selezione di illustrazioni a “tema gaberiano”, realizzata dagli estimatori del Signor G. Un’iniziativa aperta a tutti inviando delle foto (in formato jpg in alta risoluzione) all’indirizzo info@giorgiogaber.it entro il prossimo 14 luglio 2015.

La Fondazione Gaber raccoglierà il materiale pervenuto e lo esporrà in una gallery sul sito www.giorgiogaber.it