sciopero ikea
E’ stata proclamato uno sciopero nazionale per l’11 luglio da parte dei dipendenti Ikea.

Su decisione dei sindacati del commercio Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil “in difesa del proprio contratto integrativo e dei propri diritti”.

E poiché “Dopo la disdetta unilaterale di tutta la contrattazione integrativa vi era stata una immediata e durissima reazione dei sindacati e dei lavoratori, sfociata nelle prime 8 ore di sciopero territoriale, effettuate pressoché all’unisono. Dopo l’eccezionale mobilitazione di giugno non era venuta meno la disponibilità di sindacati e lavoratori a proseguire la trattativa: ciò aveva fatto sperare in un atteggiamento meno rigido da parte della multinazionale svedese”.

Queste le motivazioni date dai sindacati. Mentre Ikea risponde che “L’intransigenza del sindacato non contribuisce ad una prospettiva positiva del confronto avviato”. Ricordando loro di essersi “seduta al tavolo delle trattative per ribadire proposte concrete al fine di garantire a tutti un buon posto di lavoro.

Ma che tale decisione di sospendere il dialogo e di indire uno sciopero nazionale va nella direzione opposta rispetto a quella che poteva essere una trattativa basata sul confronto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.