Sudorazione eccessiva, come contrastarla

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 11 Lug 2015 alle ore 6:06am

sudorazione eccessiva
Le temperature elevate di questi giorni e della stagione estiva per molte persone rappresentano anche eccessiva sudorazione.

Secondo uno studio recente, condotto su un campione di 3000 soggetti è emerso infatti che il 95% delle persone affette da sudorazione eccessiva utilizza deodoranti (54%), un altro (31%) antitraspiranti o entrambi (10%) insieme.

Secondo gli esperti, queste persone utilizzano erroneamente deodoranti e antitraspiranti e 52% degli intervistati crede che non ci siano differenze tra i due tipi di prodotti.

Il consumatore, spesso, non viene informato sulle reali proprietà del preparato che sta che utilizza.

Mentre invece è bene prestare attenzione al tipo di sudore.

Ovvero le ghiandole che producono sudore sono di due tipi, apocrine ed eccrine.

L’iperidrosi, ad esempio, è caratterizzata da una eccessiva sudorazione con produzione di sudore abbondante ma inodore, tipica degli sportivi e di chi pratica sport è soggetto a forti emozioni, sforzi fisici o sbalzi termici.

La bromidrosi, invece, localizzata soprattutto sotto le ascelle è caratterizzata da una sudorazione eccessiva con odore pungente e maleodorante.

«Nel caso di una sudorazione eccrina eccessiva, in soggetti normali, la prima scelta è quella di ricorrere ad antitraspiranti a base di sali metallici (principalmente alluminio) – spiegano gli esperti dello studio -, oggi disponibili in diverse e innovative formulazioni dotate di maggior efficacia e tollerabilità, e che agiscono formando un “tappo” occlusivo nel dotto ghiandolare che impedisce la fuoriuscita del sudore e ne favorisce un suo parziale riassorbimento».

Nell’altro caso ai deodoranti, in commercio di vario tipo.