luglio 20th, 2015

Giovanni Scialpi scrive a Papa Francesco, chiede una benedizione per le sue nozze

Pubblicato il 20 Lug 2015 alle 3:56pm

“CARO Papà Francesco, mi permetta questo gioco epistolare che consiste nell’aggiungere un semplice accento sulla ‘a’, in modo di rivolgermi a Lei come se fosse il mio vero padre”.

Questo uno dei passaggi della lettera aperta che Scialpi ha indirizzato attraverso Facebook, al santo Padre, dopo l’annuncio delle nozze col compagno (e manager) Roberto Blasi. (altro…)

Grecia: muore ragazza pisana, si ribalta con il quad

Pubblicato il 20 Lug 2015 alle 10:28am

Aveva diciannovenne la ragazza di Pisa morta in un incidente stradale sull’isola di Kos, in Grecia. (altro…)

Libia: rapiti 4 italiani a Mellitah, sono tutti dipendenti della società Bonatti di Parma

Pubblicato il 20 Lug 2015 alle 10:00am

In una nota diffusa dalla Farnesina si apprende che quattro italiani sono stati rapiti in Libia nei pressi del compound dell’Eni a Mellitah. (altro…)

Come fronteggiare il grande caldo, i consigli degli esperti

Pubblicato il 20 Lug 2015 alle 6:30am

Per affrontare il grande caldo che attanaglia tutta l’Italia da Nord a Sud, gli esperti consigliano di bere molta acqua, di consumare cibi leggeri, mangiare tanta frutta e verdura, rispettare quotidianamente il numero e gli orari dei pasti, non tralasciare la prima colazione. (altro…)

Passaggio in Sardegna di Massimo Onofri, un libro tra viaggio, autobiografia e una grande storia d’amore

Pubblicato il 20 Lug 2015 alle 6:04am

Passaggio in Sardegna è il nuovo libro di Massimo Onofri, grande critico letterario, che ha fatto di questa terra la sua seconda patria e da molti anni dona ai suoi allievi isolani la propria passione per la letteratura.

Un viaggio alla ricerca di uno stile di vita lento – slow life – dentro il cuore della Sardegna. Un viaggio che è, alla fine di tutto, una grande storia d’amore.

Dalla Porto Torres del Petrolchimico alla Cagliari dei Bastioni, lungo la statale 131, passando magari per Macomer, quella delle caserme e di alcune piccole star televisive. Sassari tra segreti e clamori. L’incredibile Parco delle Prigionette. Le dolcezze di Bosa e di Stintino. Arsura di Gallura. I Collage che sono di Olbia. Le isole dell’isola: dall’Asinara del carcere speciale e degli asinelli albini alla Caprera di Garibaldi. Oristano la città-salotto e Nuoro, più Giacometti che Deledda, che dell’isola è la piccola Atene. La Barbagia e il mito identitario. La Siligo di Gavino Ledda, la Ghilarza di Gramsci e la Villacidro di Dessì. E Alghero forever. La Sardegna che questo viaggio ci restituisce non l’aveva raccontata mai nessuno, tra grand tour e autoironica autobiografia, nei modi d’una scrittura disinvolta e camaleontica, tra il comico e il lirico. Anche perché Massimo Onofri ha letto tutti i libri, e non solo di viaggio: sottoponendo al vaglio di una critica spietata e allegra tutti i luoghi comuni che hanno poi prodotto tanta cattiva letteratura, autoctona e no, a uso e consumo d’un turista in cerca di brividi esotici e primitivi. Ma la Sardegna, osservata con occhi veri e onesti, è anche la grande occasione per una resa dei conti, commossa e ilare, col proprio stilnovismo patologico.

Giunti Editore – Collana Italiana pp. 288 € 12 – eBook 6.99

Massimo Onofri insegna Letteratura italiana contemporanea all’Università di Sassari. Collabora con Avvenire, Il Sole 24 Ore, L’Indice dei Libri del Mese, Nuovi argomenti. Ha pubblicato anche altri libri: Storia di Sciascia (1994-2004), La ragione in contumacia. La critica militante ai tempi del fondamentalismo (2007, Premio Brancati per la saggistica), Recensire. Istruzioni per l’uso (2008), Il suicidio del socialismo. Inchiesta su Pellizza da Volpedo (2009), L’epopea infranta. Retorica e antiretorica per Garibaldi (2011, Premio De Sanctis per l’Unità d’italia). Vive a Viterbo, quando non è in Sardegna.