salute coste italiane
Le acque italiane sono inquinate. È allarme depurazione. Da quanto emerge c’è un punto inquinato ogni 62 chilometri di costa. E la situazione non è delle migliori neppure sul fronte della legalità, con 40 infrazioni accertate nel corso del 2014 nei mari e sulle coste italiane.

A darne notizia è Legambiente, che ha pubblicato un bilancio finale di Goletta Verde 2015.

Non c’è una classifica regionale ma la Sardegna e l’alto Adriatico sono promossi. Bocciati invece Marche, Abruzzo e Sicilia, quest’ultima con 14 campioni inquinati su 26.

Classifica invece sulla illegalità, con 14.542 infrazioni accertate da forze dell’ordine e capitanerie di porto per reati inerenti al mare e la costa, con circa il 40% al giorno, per ogni 2 km di litorale.

Per la Puglia si le infrazioni sono 3.164 e per questo è al primo posto. A seguire Sicilia con 2.346 infrazioni, Campania con 1.837 e Calabria (1.370).

Ma su infrazioni rilevate per km di costa la Campania è prima con 3,9. Subito dopo Puglia (3,7), Molise (3,1), Liguria (3) e Marche (2,9).

Secondo il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, le irregolarità “vanno dal quelle legate al ciclo del cemento sul demanio marittimo all’inquinamento del mare dovuto a mala depurazione, scarichi fognari, inquinamento da idrocarburi, sversamento di rifiuti di vario tipo, anche se non mancano i casi di pesca di frodo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.