Lavorare troppo fa male, aumenta il rischio di ictus

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 24 Ago 2015 alle ore 6:22am

lavoro ictus
Secondo un recente studio inglese, pubblicato sulla rivista scientifica Lancet, accumulare molte ore di lavoro alla scrivania può essere controproducente per la salute.

Basterebbe un’ora di lavoro in più al giorno per far salire al 10% il rischio di imbattersi in un ictus nei successivi otto anni e mezzo.

Pericolo che crescerebbe nel caso degli stakanovisti: lavorare infatti 55 ore o più a settimana porterebbe il rischio ad un terzo.

Altro aspetto preoccupante, spiegano gli scienziati, è rappresentato dal fatto che in queste persone, è anche alto il rischio di cardiopatie e stress prolungato da lavoro, tutte componenti che potrebbero scatenare alterazioni biologiche nell’organismo, ed aprire la strada a patologie anche molto insidiose.

I ricercatori sono arrivati a questa conclusione dopo aver esaminato 25 ricerche condotte in precedenza, su oltre 600 mila persone in Europa, Usa e Australia, seguite in media per 8,5 anni.

Associate a fattori di rischio come fumo, consumo di alcolici e poca attività fisica. Tutti elementi che spesso accompagnano appunto i lavoratori sottoposti a lavori più stressanti.