Migranti, Germania e Austria aprono i confini. Slovacchia dice sì alle quote

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 05 Set 2015 alle ore 10:37am

migranti accoglienza
Qualcosa si muove a livello europeo sul fronte immigrazione. Germania e Austria hanno detto sì all’accoglienza, ad aprire i propri confini ai migranti in viaggio dall’Ungheria.

Così, nella notte migliaia di persone si sono rimesse in viaggio con un centinaio di bus per raggiungere il confine con l’Austria, che insieme alla Germania ha detto sì al loro l’ingresso nel paese.

“Il diritto all’asilo politico non ha un limite per quanto riguarda il numero di richiedenti” in Germania, ha annunciato la cancelliera Angela Merkel in un’intervista rilasciata oggi. Per poi aggiungere: “In quanto paese forte, economicamente sano abbiamo la forza di fare quanto è necessario”.

Un primo pullman è arrivato al confine con l’Austria a Hegyeshalom dopo le 2 di notte. Ma gli autobus vengono fermati da parte della polizia ungherese e i profughi sono costretti ad attraversare il confine a piedi, nonostante la disponibilità austriaca a farli arrivare direttamente ai treni o ai campi di accoglienza.

Per oggi a Vienna si aspetta circa 10mila arrivi.

Ben disposta ad accogliere i migranti anche la Slovacchia, uno dei 4 paesi del gruppo di Visegrad con Repubblica Ceca, Polonia e Ungheria, contrario finora alle quote obbligatorie per i Paesi dell’Unione. “In realtà – ha detto il ministro degli esteri Miroslav Lajcak – noi siamo anche a favore delle quote, ma non devono essere arbitrarie decisioni di qualche euroburocrate”.