Il Papa apre i lavori del sinodo sulla famiglia: ‘No a compromessi. Qui non è un Parlamento’

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 05 Ott 2015 alle ore 10:45am

sinodo dei vescovi
Al via oggi il sinodo sulla Famiglia che secondo papa Francesco deve parlare con franchezza e non scendere a compromessi. Ai lavori vi partecipano 270 vescovi provenienti da ogni parte del mondo.

“E’ un camminare insieme con spirito di collegialità e sinodalità, adottando coraggiosamente parresia (parlar franco evangelico, ndr), zelo pastorale e dottrinale, saggezza, franchezza, e mettendo sempre davanti ai nostri occhi il bene chiesa, delle famiglie e la salute delle anime”. “Non è un parlamento dove per raggiungere il consenso si fa un accordo comune, un negoziato, un patteggiamento o dei compromessi: unico metodo è quello di aprirsi allo Spirito santo con coraggio apostolico e umiltà evangelica”.

Ieri il Santo Padre aveva anche sottolineato che “Una Chiesa con le porte chiuse tradisce se stessa e la sua missione, e invece di essere un ponte diventa una barriera”. Perché secondo il pontefice “l’uomo che sbaglia deve essere sempre compreso e amato”, e “la Chiesa deve cercarlo, accoglierlo, accompagnarlo”.