consumo carne rossa
L’Organizzazione Mondiale della Sanità starebbe per metterebbe al bando la carne rossa, perché ritenuta “sicuramente cancerogena”.

E’ quello che si legge in un articolo pubblicato dal Daily Mail, ma che ancora non trova conferme da parte dell’organizzazione mondiale della sanità.

L’Oms avrebbe reso noto che la carne rossa verrà inserita in un elenco di sostanze cancerose, insieme ad alcol, amianto, arsenico e fumo.

Un’annuncio non solo che avrebbe gettato nel panico tantissime persone, che amano consumarla, ma anche catene di fast food che, notoriamente, servono piatti preparati con carne rossa, bacon e salsicce.

Da sempre si sa che la carne rossa -soprattutto se arrostita male, troppo cotta, bruciata – può favorire la comparsa di alcuni tipi di tumore. Come mangiarne troppa può anche far venire il tumore al colon, e altre decine di altre malattie (tra cui la gotta). Ma da qui a inserirla nell’elenco dei “cibi cancerogeni” ce ne passa, eppure tanto.

Anche perché sono molti i nutrizionisti che la consigliano nella dieta mediterranea.

E’ possibile allora che la OMS stia preparando delle linee guida circa il consumo di carne rossa, ovvero mangiarla massimo 2 volte a settimana; cuocerla bene ma senza esagerare; consumarla insieme ad altri alimenti, e così via.

Ad ogni modo non ci sono ancora conferme ufficiali sulla dichiarazione di pericolosità della carne rossa, che rimane un ottimo alimento soprattutto per l’apporto di vitamine e di ferro, necessario per la crescita dei bambini e la loro ripresa, o di persone, soprattutto anziane dopo periodi di convalescenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.