ottobre 31st, 2015

Expo chiude oggi. Venduti 21 milioni e mezzo di biglietti. La cerimonia in diretta tv alle 17 su Rai1

Pubblicato il 31 Ott 2015 alle 11:45am

L’Expo di Milano chiude oggi i battenti, con il passaggio di consegne dalla capitale lombarda a quella di Dubai, sede della prossima Esposizione universale.

La cerimonia ufficiale sarà celebrata alle ore 18, alla presenza del presidente Sergio Mattarella, del sindaco di Milano e del governatore della Regione Lombardia, Roberto Maroni.

Nello stesso teatro all’aperto dove si diede il via alla’apertura.

Cerimonia, che in parte, sarà trasmessa da Rai1 attraverso un’edizione speciale di La vita in diretta, che si collegherà con la fiera a partire dalle ore 17 sino alle ore 20.

Cristina Parodi e Marco Liorni, in compagnia di Foody, la mascotte di Expo e di tantissimi ospiti, racconteranno la loro esperienza durante questi sei mesi di Expo.

I numeri sono impressionanti, venduti 21 milioni e mezzo di ingressi. I visitatori potranno visitare il salone espositivo anche oggi, ma attenzione, i tornelli resteranno aperti sino alle 17. Solo chi sarà entrato per quell’ora, potrà rimanervi sino a mezzanotte e partecipare ad alcuni dei party di fine Expo organizzati nei diversi padiglioni.

L’Albero della Vita, con molta probabilità resterà lì dove è stato montato. Smontarlo costerebbe circa 500.000 euro.

Dopo qualche mese sarà riattivato e avrà una manutenzione costante per mantenerlo in funzione.

Inghilterra: medico italiano sospeso dall’incarico perché non parla bene l’inglese

Pubblicato il 31 Ott 2015 alle 10:59am

Alessandro Teppa, medico bresciano di 45 anni dal 2012 lavora come urologo in Inghilterra ma non è ancora riuscito ad imparare la lingua.

E per questo motivo i giudici del tribunale dei medici hanno deciso di sospenderlo per nove mesi con la motivazione che “E’ un rischio per i pazienti”.

Primo caso in Gran Bretagna in cui un medico straniero viene esonerato dal suo incarico per carenze linguistiche.

Il dottor Teppa avrebbe ancora bisogno dell’interprete per capire e farsi capire dai pazienti. Amante dei viaggi, dei quali posta numerose foto sui social, il dottore italiano sembrerebbe non volerne proprio sapere di imparare l’inglese.

L’italiano stava lavorando a Manchester e prima della sentenza, aveva lavorato al Royal Bournemouth Hospital a Dorset e all’Hallamshire Hospital a Sheffield. Con la legge sugli standard d’inglese, estesa a tutti i medici europei che lavorano in Gran Bretagna, il General Medical Council ha ordinato al 45enne di fare l’esame per capire il suo livello di apprendimento ma l’uomo sarebbe stato bocciato per ben due volte.

Aereo russo precipita sul Sinai, a bordo 224 persone

Pubblicato il 31 Ott 2015 alle 10:31am

Un aereo di linea russo con a bordo 224 passeggeri partito da Sharm el Sheik e diretto a San Pietroburgo in Russia si è schiantato sul Sinai centrale. (altro…)

Tumore alla prostata, fiuto dei cani più attendibile dei test Psa

Pubblicato il 31 Ott 2015 alle 6:19am

Il fiuto dei cani può scoprire il cancro alla prostata. Ne è convinto il dottor Gianluigi Traversa che ha avviato uno studio insieme al centro militare veterinario dell’esercito la cui sede è a Grosseto.

Due femmine di pastore tedesco, Liù e Zoe, cani antimina, sono riuscite a “scoprirlo” nel 97% dei casi.

Il loro compito era quello di segnalare, attraverso il loro olfatto, le urine di pazienti affetti da cancro prostatico. Percezione la cui affidabilità è fino a 5 volte più efficace di un comune test del Psa.

La sperimentazione è stata illustrata nel corso del Festival della Scienza, a Genova. Iniziativa, che spiega l’esperto, responsabile della sezione di Patologia prostatica dell’istituto clinico Humanitas, è stata anticipata da un’intuizione da parte di un medico inglese di circa 30 anni.

«Disse che il suo cane aveva scoperto un melanoma alla moglie, pubblicò la notizia e io lo contattai – spiega Traversa, e da quel momento incominciai a lavorare per capire se l’esperienza del medico inglese poteva essere fantascienza o realtà». «Il tumore prostatico ha un odore particolare e ora il prossimo passo sarà quello di capire quali sono le molecole e cosa annusa il cane», sottolinea Traversa

Roma, ultimato il restauro della Fontana di Trevi grazie alla maison Fendi

Pubblicato il 31 Ott 2015 alle 6:00am

Ieri pomeriggio, tra gli applausi dei turisti, è tornata l’acqua nella vasca di Fontana di Trevi. Si sono conclusi i lavori di restauro iniziati lo scorso 30 giugno 2014 costato 2 milioni e 180 mila euro, completamente finanziato dalla casa di moda Fendi e realizzato sotto la supervisione tecnico-scientifica della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

Cinquecentosedici giorni lavorativi per restaurarla che hanno visto 26 professionisti impegnati nel riportare questo storico monumento capitolino al suo antico splendore.

La fontana più famosa del mondo ha visto 3 milioni di visitatori nonostante i suoi 17 mesi di restauro: 9.092 visite al sito web, 2.867 app Ios scaricate, 1.721 app Android scaricate.