Papa: “Chi predica povertà non può vivere da faraone. La chiesa deve parlare con verità e testimonianza”

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 06 Nov 2015 alle ore 12:26pm


​«La Chiesa deve parlare con la verità e anche con la testimonianza: la testimonianza della povertà. Se un credente parla della povertà o dei senzatetto e conduce una vita da faraone: questo non si può fare». Sottolinea il Papa in un’intervista rilasciata al giornale di strada olandese Straatnieuws, diffusa anche da Radio Vaticana.

«C’è la tentazione della corruzione nella vita pubblica. Sia politica, sia religiosa». Ma una «tentazione», è quella di «fare accordi con i governi. “Si possono fare accordi, ma devono essere accordi chiari, accordi trasparenti. Per esempio: noi gestiamo questo palazzo – riferendosi a quello apostolico – ma i conti sono tutti controllati, per evitare la corruzione”.

«Non posso vivere qua – ha continuato il santo padre – semplicemente per motivi mentali. Mi farebbe male. All’inizio sembrava una cosa strana, ma ho chiesto di restare qui, a Santa Marta. E questo mi fa bene perché mi sento libero. Mangio nella sala pranzo dove mangiano tutti. E quando sono in anticipo mangio con i dipendenti. Trovo gente, la saluto e questo fa che la gabbia d’oro non sia tanto una gabbia. Ma mi manca la strada».

E alla domanda se avesse mai pensato di voler diventare pontefice, risponde. «No». «Quando ero piccolo non c’erano i negozi dove si vendevano le cose. Invece c’era il mercato dove si trovava il macellaio, il fruttivendolo eccetera. Io ci andavo con la mamma e la nonna per fare le spese. Ero piccolino, avevo quattro anni. E una volta mi hanno domandato: ‘Cosa ti piacerebbe fare da grande?’ Ho detto: il macellaio!».

Papa Francesco non si aspettava che sarebbe stato scelto proprio per fare il pontefice. «È venuto e non l’aspettavo». Ma aggiunge: «Non ho perso la pace. E questo è una grazia di Dio. Non penso tanto al fatto che sono famoso. Dico a me stesso: adesso ho un posto importante, ma in dieci anni nessuno ti conoscerà più», dice ridendo e risponde semplicemente con un «sì» al giornale che gli chiede se continuerà questo lavoro fino a quando ne sarà in grado.

Papa Francesco amava giocare a calcio da ragazzo ma non era una promessa. «A Buenos Aires – racconta – a quelli che giocavano il calcio come me, li chiamavano pata dura. Che vuol dire avere due gambe sinistre. Ma giocavo, facevo il portiere tante volte».

«Quando la Chiesa è tiepida, chiusa in se stessa, anche affarista tante volte» non è «al servizio, bensì si serve degli altri», ha sottolineato il pontefice durante la messa tenuta a Santa Marta invocando il Signore che ci dia «quel punto d’onore di andare sempre avanti, rinunciando alle proprie comodità tante volte e ci salvi dalle tentazioni».

«Nella Chiesa ci sono questi, che invece di servire, di pensare agli altri, di gettare le basi, si servono della Chiesa: gli arrampicatori, gli attaccati ai soldi. E quanti sacerdoti, vescovi abbiamo visto così. È triste dirlo, no?», ha aggiunto nell’omelia.

«Io vi dico quanta gioia ho, io, che mi commuovo, quando in questa Messa vengono alcuni preti e mi salutano: ‘Oh padre, sono venuto qui a trovare i miei, perché da 40 anni sono missionario in Amazzonia’. O una suora che dice: ‘No, io lavoro da 30 anni in ospedale in Africa’. O quando trovo la suorina che da 30, 40 anni è nel reparto dell’ospedale con i disabili, sempre sorridente. Questo si chiama servire, questa è la gioia della Chiesa: andare oltre, sempre; andare oltre e dare la vita».

E riferendosi al Vangelo dice “Il Signore ci fa vedere l’immagine di un altro servo, «che invece di servire gli altri si serve degli altri». E, sottolinea «abbiamo letto cosa ha fatto questo servo, con quanta scaltrezza si è mosso, per rimanere al suo posto». «Anche nella Chiesa – avverte il Papa – ci sono questi, che invece di servire, di pensare agli altri, di gettare le basi, si servono della Chiesa: gli arrampicatori, gli attaccati ai soldi. E quanti sacerdoti, vescovi abbiamo visto così. È triste dirlo, no? La radicalità del Vangelo, della chiamata di Gesù Cristo: servire, essere al servizio di, non fermarsi, andare oltre sempre, dimenticandosi di se stessi. E la comodità dello status: io ho raggiunto uno status e vivo comodamente senza onestà, come quei farisei dei quali parla Gesù che passeggiavano nelle piazze, facendosi vedere dagli altri». Quindi ci sono «due immagini di cristiani, due immagini di preti, due immagini di suore. Due immagini».