novembre 8th, 2015

MotoGP, Lorenzo vince ed è campione, Rossi secondo in classifica

Pubblicato il 08 Nov 2015 alle 4:32pm

Valentino Rossi non ce l’ha fatta. Partito dall’ultima posizione, è riuscito a rimontare, arrivando, però, in quarta posizione. Davanti a lui, Jorge Lorenzo, MarcMarquez e Dani Pedrosa.

Valentino Rossi arriva quarto, perde la vetta della classifica ma è secondo in campionato per soli 5 punti.

Alla fine la classifica incorona il maiorchino con 330 punti contro i 325 di Valentino.

La cronaca parla di una impresa mancata, ma per gli sportivi italiani e non solo, si grida invece alla truffa.

«È stata una gara davvero difficile perché avevo tanta pressione» ha spiegato Lorenzo. «È bellissimo essere 5 volte campione del mondo. Sono fiero per il mio Paese». Poi una dedica: «Questo titolo è per la Yamaha, per il team, per gli amici e per le persone che mai si arrendono, per le persone che credono in sé stesse e hanno sufficiente personalità per non farsi condizionare dalle critiche di chi non gli vuole bene».

«E’ stato brutto, sono abbastanza triste» il primo commento di Valentino Rossi. «Ero sicuro che avrebbero fatto il “biscottone”, è stato un atteggiamento bruttissimo, mai successo nella storia del nostro sport».

Poi arriva l’accusa diretta a Marquez che «faceva il guardaspalle a Lorenzo. Sono contento che anche oggi tutti hanno visto qual era il loro piano. Spero che l’atteggiamento gli si rivolti contro». Ma critica anche l’Honda: «Non capisco come faccia a consentire che un suo pilota faccia vincere una Yamaha».

John Lennon, venduta all’asta per 2,4 mln di dollari la sua chitarra

Pubblicato il 08 Nov 2015 alle 3:13pm

La chitarra che Lennon usò per comporre e registrare “Love Me Do”, “I Want To Hold Your Hand” e altri successi è stata venduta sabato all’asta in California per il valore di 2,4 milioni di dollari (circa 2,23 milioni di euro).

La Julien’s Auctions lo ha reso noto spiegando che una Gibson J-160E e’ stata aggiudicata da un acquirente anonimo.

Si tratta di una delle uniche due chitarre che furono inviate dagli Usa al Regno Unito nel 1962 per Lennon e George Harrison.

Lennon la usò per circa un anno prima di cambiarla per quella di Harrison, poi dello strumento si persero le tracce intorno al 1963.

Per 50 anni non si seppe più niente di questa chitarra, poi lo scorso anno un uomo in California ha scoperto che una chitarra in suo possesso poteva avere un valore storico: così l’ha fatta esaminare da un esperto che ne ha confermato l’origine.

Papa Francesco: “Rubare documenti riservati è reato, ma non ci fermeremo con le riforme”

Pubblicato il 08 Nov 2015 alle 2:12pm

Papa Francesco durante l’Angelus di questa mattina, facendo cenno al caso Vatileaks sottolinea che “Rubare e diffondere i documenti riservati della Santa Sede è stato un reato. Un atto deplorevole che non aiuta”.

“So che molti di voi sono stati turbati dalle notizie circolate nei giorni scorsi, a proposito di questi documenti, sottratti e pubblicati, ma io stesso avevo chiesto di fare quello studio, e quei documenti io e i miei collaboratori li conoscevamo già bene. Sono state prese delle misure che hanno iniziato a dare dei frutti”.

“Questo triste fatto non mi distoglie certamente dal lavoro di riforma che stiamo portando avanti con il sostegno di voi tutti. Sì, con il sostegno di tutta la Chiesa, perché la Chiesa si rinnova con la preghiera e con la santità quotidiana di ogni battezzato”.

Poi rivolgendosi nuovamente a una piazza San Pietro gremita dice “Vi ringrazio e vi chiedo di continuare a pregare per il Papa e per la Chiesa, senza lasciarvi turbare ma andando avanti con fiducia e speranza”.

Precedentemente il Papa facendo richiamo al Vangelo di oggi, che condanna scribi e farisei per superbia, avidità e ipocrisia, aveva detto “C’è il rischio, anche oggi, di mettere al primo posto, anziché Dio, la propria vanagloria, il proprio tornaconto»” Come “Ad esempio, quando si tende a separare la preghiera dalla giustizia, perché non si può rendere culto a Dio e causare danno ai poveri. O quando si dice di amare Dio, e invece si antepone a Lui”.

Smartphone, le app spiano gli utenti. La conferma arriva da uno studio

Pubblicato il 08 Nov 2015 alle 11:47am

Le applicazioni per i dispositivi Apple e Android sono delle vere e proprie ‘spie’ condividono i dati personali degli utenti con piattaforme tipo Google, Apple e Facebook senza chiederne un esplicito permesso. (altro…)

Roma, rimosso con successo tumore di 30 chili

Pubblicato il 08 Nov 2015 alle 10:57am

Asportato con successo un tumore di 30 kg. Un intervento ‘straordinario’ effettuato all’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma su una donna, di cittadinanza europea, che pesava complessivamente 90kg.

La paziente è stata sottoposta ad un intervento estremo della durata di 7 ore, che nel suo paese di origine nessun ospedale avrebbe mai voluto effettuare.

La donna, fa sapere l’Ospedale, ”è stata ricoverata per 2 settimane ed ora sta bene”. Si tratta di una donna di 65 anni madre di 3 figli e che ha goduto sempre di buona salute: ad aprile ha iniziato ad avvertire inappetenza, saltuari episodi di vomito e un aumento di volume dell’addome.

Gli esami eseguiti nel suo paese di origine hanno rilevato la presenza di un tumore di origine lipomatosa.

Considerate le dimensioni enormi nessun ospedale contattato si è offerto di sottoporla ad asportazione chirurgica.

La signora, spiega ancora l’ospedale, ”è giunta alla nostra osservazione a fine estate tramite alcuni familiari residenti in Italia e dopo gli accertamenti di rito è stata operata dall’equipe guidata dal Professor Alfredo Garofalo, gli aiuti Mario Valle, Fabio Carboni, Orietta Federici e le anestesiste Alessandra Costantino e Luana Fabrizi, oltre strumentisti ed infermieri”.

L’esame istologico ha confermato la presenza del liposarcoma retroperitoneale del peso complessivo di 30 kg.

Il decorso è stato regolare e donna è stata dimessa dopo 2 settimane per essere seguita dagli oncologi per il trattamento.

“Mi complimento con tutta l’equipe – ha commentato Marta Branca, commissario straordinario degli Istituti Fisioterapici Ospitalieri (Ifo) – ed il personale coinvolto. Si conferma quindi quanto evidenziato nella certificazione Europea di recente conseguita, ovvero che il nostro centro oncologico ha una chirurgia in grado di intervenire in tutti i tipi di tumori e soprattutto quelli più complessi. E’ stato inoltre un bel battesimo per le nuove sale operatorie integrate e multimediali”.

Sabotata stazione di Bologna. Scritte contro la Lega, città blindata per la manifestazione di oggi

Pubblicato il 08 Nov 2015 alle 10:34am

Forti rallentamenti si sono creati sul nodo di Bologna a causa di un incendio doloso. Fuoco appiccato ai cavi della trasmissione dati per la gestione del traffico ferroviario. Interessate le linee per Milano e Verona.

“8/11: sabotare un mondo di razzisti e frontiere”. Questa la scritta di vernice spray rossa trovata sulla banchina di cemento tra i binari con la quale è stato rivendicato l’attentato incendiario della notte scorsa alla stazione Santa Viola.

Un messaggio di “benvenuto” di matrice probabilmente anarchica alla grande manifestazione di questa mattina della Lega Nord a cui parteciperà oltre al leader Matteo Salvini, anche Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni.

Intanto il centro della città di Bologna è blindato: le forze dell’ordine hanno schierato, circa 700 uomini tra agenti e militari in campo, per garantire l’ordine pubblico in vista dei cortei dei centri sociali che protestano contro la presenza di Salvini nel capoluogo emiliano.

La tensione è altissima. Trovato anche uno straccio imbevuto di liquido infiammabile utilizzato con ogni probabilità per innescare il rogo.

Un episodio simile si verificò il 23 dicembre sempre nella stessa zona e contro l’Alta velocità.

In stazione è in atto un presidio di una cinquantina di attivisti di Rifondazione Comunista in attesa dell’arrivo dei leghisti.

Sulla vicenda indagano Polfer e Digos.

Bologna, Motorshow la nuova edizione nel 2016

Pubblicato il 08 Nov 2015 alle 6:52am

L’appuntamento con la nuova edizione del Motor Show ci da’ appuntamento al prossimo anno. L’annuncio arriva con una nota da BolognaFiere che ha rilevato la kermesse nel maggio 2015.

Stretto anche un accordo con Autopromotec e Aci Sport. Ma Fca Italy supporterà il progetto con la sua partecipazione.

La ‘festa’ dei motori, dunque, manterrà lo stesso calendario di sempre: andrà in scena dal 3 all’11 dicembre.

“E’ un dovere nei confronti del pubblico che da 40 anni segue il Motorshow, aggiornarlo e rilanciarlo come l’evento che valorizza tutta la filiera dell’industria automotive e del Motorsport in Italia”, sottolinea Bologna Fiere.

Hit parade, De Gregori canta Dylan conquista la vetta

Pubblicato il 08 Nov 2015 alle 6:04am

Il disco omaggio di Francesco de Gregori al grande Bob Dylan, dal titolo “De Gregori canta Bob Dylan-Amore e Furto”, entra direttamente al 1/o posto della hit parade dei dischi più venduti. (altro…)