veronica panarello
Il piccolo Loris Stival sarebbe morto mentre giocava in casa con le fascette elettriche che la madre sostiene doveva portare a scuola. E’ la nuova versione rilasciata ai magistrati di Ragusa da Veronica Panarello.

Per la donna si sarebbe trattato di un terribile “incidente” avvenuto dopo che lei era tornata a casa, dopo avere accompagnato a scuola l’altro figlio, perché Loris quella mattina si sarebbe rifiutato di andare a scuola.

La donna ha dichiarato di aver fatto di tutto per salvare il piccolo, ma presa dal panico avrebbe lo avrebbe caricato in auto e portato nel canalone dove è stato poi ritrovato.

“Nessun complice, non sapevo come giustificarmi” avrebbe detto Veronica Panarello. Raccontando anche di aver gettato lungo la strada per Donnafugata lo zaino del bambino.

E che avrebbe taciuto per paura di non essere creduta.

Ma secondo la Cassazione c’è un “Alto grado di probabilità che sia proprio la madre l’omicida”, sottolineandolo anche nelle sue motivazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.