novembre 21st, 2015

Ok di Salvini per Alessandro Sallusti, candidato in pole a sindaco di Milano

Pubblicato il 21 Nov 2015 alle 12:57pm

Il direttore del Giornale Alessandro Sallusti sarà con molta probabilità il candidato sindaco scelto per il capoluogo lombardo. Da parte di Fi, Lega e Fdl.

Arrivato nella giornata di ieri, anche il via libera di Matteo Salvini leader della Lega.

“Sallusti a me piace come persona e professionista, è uno dei possibili candidati, ma se fosse lui io sarei contento”.

Sallusti da parte sua dichiara a Radio24 “Sto ragionando con la coalizione di centrodestra per vedere se ci sono le condizioni per una candidatura”.

La Russia regala alla Francia ‘Dobrynia’ dopo la morte del cane poliziotto

Pubblicato il 21 Nov 2015 alle 12:34pm

Si chiama ‘Dobrynia’ ed è il cane che la Russia ha deciso di regalare alla Francia dopo l’uccisione di Diesel, il cane di assalto francese ucciso dai terroristi del 13 novembre durante il blitz delle teste di cuoio francesi a Saint Denis.

“Questo piccolo cane – scrive su Facebook il ministro dell’Interno russo – è un cane di servizio che si chiama Dobrynia. È stato chiamato così in onore dell’eroe russo Dobrynia. La personificazione della forza, della bontà, della bravura e dell’altruismo.”

“Questo cane sarà consegnato alla Francia a testimonianza della solidarietà con il popolo francese e la polizia francese nell’aiuto della lotta al terrorismo”.

La Francia chiede modifiche all’accordo di Schengen

Pubblicato il 21 Nov 2015 alle 12:01pm

Nel corso del vertice di emergenza sul terrorismo che si è tenuto a Bruxelles, i ministri degli interni e di giustizia Ue hanno deciso di accogliere la richiesta fatta dalla Francia: rivedere l’accordo di Schengen.

Ovvero, consentire controlli “sistematici” anche dei cittadini dei Paesi membri alle frontiere.

I 28 stati membri hanno detto sì dando il via libera al rafforzamento dei controlli alle frontiere e alla modifica del codice.

Isis ai foreign fighter: “Restate dove siete, non venite in Siria”

Pubblicato il 21 Nov 2015 alle 11:40am

L’Isis lancia un appello ai foreign fighter, di nazionalità britannica. “Astenetevi dal raggiungere la Siria, aspettate il segnale per colpire la Patria”.

Questo quanto riportato dal Daily Mail.

Un messaggio lanciato mediante siti di massa criptati e confermato da fonti di sicurezza.

Nelle conversazioni intercettate è stato anche chiesto agli estremisti britannici quali armi e munizioni hanno a disposizione.

Di reclutare altri uomini, possibilmente giovani e di evitare di uccidere islamici.

Di attendere istruzioni online su dove e quando colpire.

La metà degli Italiani cerca la cura giusta in rete

Pubblicato il 21 Nov 2015 alle 11:09am

Nel corso di un meeting dal titolo «La salute in rete: progresso o pericolo?» promosso da IBSA Foundation e dall’Università La Sapienza di Roma, sono stati presentati i risultati di una ricerca condotta da Gfk su un campione di 2.066 persone.

Secondo il quale è emersa una fotografia che descrive quanto già rivelato dal 48esimo rapporto Censis 2014: 1 italiano su 2 è sempre più impegnato nella ricerca di informazioni di salute in rete, 2 su 3 ha un’età compresa tra i 25 e i 55 anni.

Tutti gli intervistati hanno infatti ammesso che il medico è visto come il punto di riferimento centrale (85% medico di base, 68% medico specialista), ma subito dopo il web, ricopre un ruolo piuttosto rilevante.

Il 49% degli intervistati, ha infatti ammesso di cercare in rete i propri sintomi, di cercare soluzioni fai da te prima ancora di arrivare dal proprio medico di fiducia.

Un 37% ha ammesso di chiedere consigli al proprio farmacista, mentre il 36% ad amici e parenti. Il 24% si rifa ad informazioni che arrivano dai media.

Il tipo di informazioni ricercate variano a seconda della gravità dei sintomi. Chi ha problemi più gravi cerca per il 59,3% informazioni sui centri di eccellenza, l’83,7% cerca informazioni sul singolo problema, mentre chi ha non ha problemi specifici (58,2%) cerca informazioni su corretti stili di vita o comportamenti salutistici.

Alla domanda «quali informazioni sulla salute ha cercato su internet?» L’83% degli italiani ha risposto informazioni riguardanti patologie, il 66% possibilità di cura e il 64% corretti stili di vita.

Le ricerche comprendono inoltre accentuazioni specifiche sui farmaci prescritti dal medico (44%) e sui farmaci da banco (35%).

Il paziente dopo la ricerca sul web si rivolge al proprio medico: il 63% degli intervistati dopo aver trovato informazioni in rete si reca dal proprio dottore di fiducia per ulteriori delucidazioni e approfondimenti.

I dottori però sono preoccupati da tale tendenza. Infatti solo il 10% dei medici di medicina generale e il 17% degli specialisti pensa che sia utile cercare informazioni in rete, mentre una buona percentuale – il 33% degli specialisti e il 42% dei MMG – è convinta che informarsi su internet possa poi rendere più difficile il rapporto con il medico, o creare preoccupazioni superiori al dovuto.

Un nonno in affitto!

Pubblicato il 21 Nov 2015 alle 6:44am

I nonni sono una figura importante nella crescita dei bambini e possono offrire anche un aiuto concreto alla famiglia. Purtroppo non tutti hanno la fortuna di averli. Come fare quindi quando vorremmo qualcuno di fiducia che guardasse i bambini e che gli insegnasse magari a giocare a carte o gli raccontasse di come ci si divertiva 40 o 50 anni fa? (altro…)