Migranti: stretta su Schengen, l’Ue vara il “guardia frontiere”

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 16 Dic 2015 alle ore 10:56am

guardia frontiere

L’Unione europea ha deciso di triplicare la spesa per la difesa delle frontiere fornita dalla nuova ‘Guardia europea per i confini e le coste’.

E’ quanto emerge da una nuova proposta che mira a gestire la crisi migratoria che minaccia anche dal punto di vista del terrorismo la sicurezza del continente.

Se dovesse arrivare il via libera da parte dei vari governi, il nuovo corpo prenderà il posto dell’agenzia Frontex e avrà poteri esecutivi più ampi, tra cui un contingente formato da 1.500 uomini sempre pronti ad intervenire.

Inoltre, entro il 2020 le risorse a disposizione dovrebbero essere pari a 322 milioni di euro, una cifra sicuramente maggiore rispetto ai 114 milioni messi a bilancio per quest’anno.

Il budget messo a disposizione per Frontex è già stato incrementato di ben tre volte nel 2015, portandolo a 143 milioni di euro. Si arriverà nel 2016 a 238 milioni di euro.