dicembre 27th, 2015

Donati gli organi del ragazzo morto in una cartiera dismessa. Cinque gli indagati a Varese

Pubblicato il 27 Dic 2015 alle 3:51pm

E’ morto il giorno di Natale, dopo tre giorni di agonia, Alessandro Giani, il ragazzo di diciotto anni precipitato dal tetto di una fabbrica abbandonata a Cairate (Varese) qualche giorno fa, la cui famiglia ha deciso di donare i suoi organi, salvando la vita di dieci persone.

Un intervento chirurgico avvenuto all’ospedale di Varese, alle prime ore del mattino di ieri. Appena si sono resi conti che la situazione era critica, era arrivata la morte cerebrale hanno prospettato ai genitori del ragazzo la possibilità dell’espianto di organi.

“Abbiamo detto sì — ha raccontato Davide, il papà di Alessandro, titolare di un’officina meccanica a Cassano a chi gli è stato vicino — perché riteniamo che questo sia il vero senso del Natale: la donazione. Non abbiamo voluto fare il “bel gesto” natalizio ma qualcosa di più profondo; almeno abbiamo restituito il sorriso a qualche malato grazie ad Alessandro».

Il giovane stava esplorando con due suoi compagni l’ex cartiera Mayer di Cairate, quando, non vedendo un buco situato nel pavimento, utilizzato in passato per la produzione, è precipitato di sotto per quasi sei metri di altezza.

Trasportato privo di sensi in ospedale, sarebbe sopravvissuto per soli tre giorni ed essere sottoposto al delicato intervento chirurgico per la donazione degli organi.

Sulla vicenda indaga la Polizia Locale di Cairate (Varese). Cinque gli indagati al momento con l’accusa di omicidio colposo: i rappresentanti della proprietà e i due compagni della vittima.

Festa Santa della Famiglia, Papa: “Camminare insieme, avere una stessa meta da raggiungere”

Pubblicato il 27 Dic 2015 alle 12:22pm

“Non perdiamo la fiducia nella famiglia!”. Questa l’esortazione del Santo Padre di oggi in occasione della celebrazione in San Pietro del “Giubileo delle Famiglie”, primo appuntamento liturgico dell’Anno Santo Straordinario della Misericordia.

“Affido a tutte voi, care famiglie – ha detto il Papa – questa missione così importante, di cui il mondo e la Chiesa hanno più che mai bisogno”.

“In questi giorni, tanti si sono messi in cammino per raggiungere la Porta Santa aperta in tutte le cattedrali del mondo e anche in tanti santuari. Ma la cosa più bella è che tutta la famiglia compia il pellegrinaggio. Papà, mamma e figli, insieme, si recano alla casa del Signore per santificare la festa con la preghiera”.

Papa Francesco ha ricordato l’episodio del pellegrinaggio a Gerusalemme di Maria e Giuseppe con il piccolo Gesu’.

“E’ un insegnamento importante – ha continuato Francesco – che viene offerto anche alle nostre famiglie. Quanto ci fa bene pensare che Maria e Giuseppe hanno insegnato a Gesu’ a recitare le preghiere! E sapere che durante la giornata pregavano insieme; e che poi il sabato andavano insieme alla sinagoga per ascoltare le Scritture della Legge e dei Profeti e lodare il Signore con tutto il popolo”.

Infine il Papa suggerisce ai genitori, di benedire con un segno della croce, ogni mattina i propri figli, per affidarli al Signore.

Durante l’Angelus Francesco si sofferma ancora a lungo sull’importanza della famiglia, sulla gioia dello stare insieme, sul rispetto reciproco senza individualismi.

Allerta attentati nelle principali capitali europee. Ministro Gentiloni: “Isis pronto a colpire ancora”

Pubblicato il 27 Dic 2015 alle 12:02pm

E’ allarme attentati in tutte le capitali europee tra Natale e Capodanno. A darne notizia, il capo della polizia di Vienna.

Gli attentati, ha precisato il funzionario austriaco, potrebbero essere compiuti con “bombe o armi”.

Il capo dell’Isis, proprio in questi giorni, è tornato a farsi sentire assicurando che il suo ‘Califfato’ non ha subito conseguenze dai raid aerei della Coalizione internazionale, e minacciando Israele.

Il ministro italiano Gentiloni invita sì alla cautela per scongiurare il pericolo e il panico ma sottolinea anche che “In Italia come in tutta l’Europa, abbiamo tutti ben chiaro quello che Daesh (la sigla araba di Isis, ndr) e i suoi accoliti hanno compiuto e possono compiere. Lavoriamo per la sicurezza, senza lasciarci fuorviare. Sappiamo bene che proveranno a colpire ancora”, in un’intervista rilasciata a La Repubblica in cui Gentiloni ricorda anche che “la polizia austriaca parla di persone che sono state segnalate. Non trasformerei questo in nulla di più o di meno rispetto allo scenario in cui siamo da mesi”.

Essere altruisti aiuta a combattere lo stress

Pubblicato il 27 Dic 2015 alle 7:04am

Essere altruisti aiuta a combattere lo stress quotidiano.

Ad affermarlo, un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Clinical Psychological Science, condotto dai ricercatori della Yale University School of Medicine di New Haven (Usa), secondo cui aiutare gli altri – non solo familiari e amici, aiuta a sentirsi meglio, anche nei momenti difficili.

Nel corso dello studio, i ricercatori americani, hanno chiesto a 77 soggetti sani, di età compresa tra 18 e 44 anni, di indicare, per un periodo di due settimane, quali avvenimenti avessero caratterizzato le loro giornate.

Ebbene, ogni sera i volontari dovevano compilare, sul proprio smartphone, un piccolo questionario in cui si chiedeva se in una determinata giornata avevano vissuto un evento stressante (per esempio: dissidi a scuola, sul lavoro o a casa, problemi di salute o nei rapporti interpersonali) e se avevano compiuto gesti altruistici (come tenere aperta la porta a qualcuno, o aiutare una persona a studiare).

Infine, valutare il loro stato d’animo su una scala da uno a 100.

Al termine dell’indagine, è emerso che l’altruismo aveva la capacità di alleviare lo stress quotidiano. Mentre nei giorni in cui i partecipanti avevano compiuto un’azione gentile nei confronti degli altri, risultavano godere di maggior benessere mentale.

“Il nostro lavoro dimostra che aiutare gli altri significa anche aiutare se stessi – osserva Emily Ansell, coordinatrice dello studio. -. È sorprendente constatare quanto quest’effetto sia stato forte e uniforme in tutte le esperienze quotidiane. Per esempio, è emerso che se il soggetto aveva compiuto gesti altruistici durante i giorni più stressanti, non manifestava una riduzione delle sensazioni positive o del benessere mentale. Mostrava soltanto un lieve aumento delle emozioni negative”.

Parma, Babbo Natale scalatore fa visita ai bambini ricoverati in ospedale

Pubblicato il 27 Dic 2015 alle 6:33am

Babbo Natale scalatore arriva nelle corsie dell’ospedale dei bambini di Parma. Grazie a una simpatica iniziativa, organizzata dal gruppo Soccorso Alpino Emilia Romagna. (altro…)

Tiziano Ferro – Lo Stadio, su Rai1, in prima serata il 30 dicembre

Pubblicato il 27 Dic 2015 alle 6:05am

Un anno davvero straordinario quello che si conclude per Tiziano Ferro, pronto a sorprendere i suoi fan dopo alcuni problemi di salute e l’annullamento di alcuni concerti del suo tour europeo.

Nelle ultime ore infatti, l’artista ha preparato degli auguri di Natale molto speciali. Cantati e postati sui social, cliccatissimi dal pubblico della rete.

Ma non è tutto. In occasione della tappa al Mandela Forum di Firenze il cantautore di Latina ha anche annunciato l’uscita del suo prossimo album prevista per l’anno 2016.

Un disco di inediti che arriverà a due anni di distanza da Tzn-The Best of Tiziano Ferro pubblicato lo scorso 25 novembre 2014.

Nel corso del 2015 Tiziano Ferro ha lavorato al nuovo progetto discografico grazie alla passione che ha vissuto e cercato di trasmettere sul palco alle tante persone che lo seguono in tanti anni di carriera.

Il 30 dicembre l’appuntamento con l’artista è su Rai1, in prima serata con lo speciale ‘Tiziano Ferro Lo Stadio’.